Patente a punti

Introdotta nel Codice della Strada il 1 luglio 2003 (articolo 126 bis - D.L. n.151 del 27 giugno 2003, successivamente parzialmente modificato dalla L. 214 del 1 agosto 2003),  la patente a punti è il meccanismo tramite il quale ogni automobilista, inizialmente accreditato di un saldo di 20 punti sulla propria patente, viene penalizzato – in termini di sanzione amministrativa e decurtazione dei punti – ogniqualvolta commetta un’infrazione dello stesso codice della strada.

Il numero di punti decurtati dalla patente varia a seconda dell’infrazione commessa; in ogni caso, per recuperarli è necessario seguire degli appositi corsi presso un’autoscuola.

Questo meccanismo, si noti bene, affianca ma non sostituisce le sanzioni già esistenti per le varie infrazioni.

Il sistema della patente a punti prevede anche dei bonus per gli automobilisti ‘virtuosi’. Infatti, se nel corso di due anni consecutivi non si commettono infrazioni, si ha diritto ad avere accreditati sulla propria patente un bonus di 2 punti.

Per maggiori informazioni sui meccanismi di funzionamento della patente a punti e per controllare il ‘saldo’ della propria patente, è possibile consultare il sito della Polizia di Stato e quello del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.


Seguici su Facebook

  • V. Battisti, 40/A
    05100 TERNI (TR)
  • autotecnica10@libe...
  • 0744 426293
  • V. G. Marconi, 25
    05021 ACQUASPARTA (TR)
  • 0744 943442